"Paesi alti", nuvole basse e partenze

foto Valdenogher Alpago BL

Qualche giorno fa ho voluto andare incontro alla neve e come spesso mi capita cercando una cosa ne trovo un’altra. Salendo a Valdenogher (Tambre, Belluno) ho visto alle mie spalle un mare bianco che copriva tutta la Valturcana. Mi sono fermato a osservare la distesa di nuvole che sembrava avesse cancellato i luoghi dove sono ambientate le storie che scrivo. C'era solo un'isola di alberi in mezzo al bianco, la località Malòlt, il resto era sparito.

Quando sono tornato a casa ho sfogliato "Paesi alti".

“La prima luce del giorno, quella forte che annuncia la primavera, illuminò le montagne lontane, verso Belluno. Il paese a fondovalle invece era nascosto da una cappa di nuvole basse e fumo. I prati posti a nord erano ancora coperti di neve, mentre quelli al sole erano già puliti e i bucaneve crescevano fitti.
E suo padre era già sul treno.
Per un momento gli sembrò di vedere anche il treno sfrecciare veloce in mezzo al prato.
Lasciò il sentiero e prese l’acciottolato tra le vecchie case del borgo. Nei punti d’ombra perenne il ghiaccio era ancora intatto e qualcuno aveva sparso segatura e sabbia per non scivolare. I muri di sassi delle abitazioni, le finestre piccole, gli sporti di lastra scura dei tetti davano a Tonìn la sensazione d’essere a casa, anche se era all’aperto e aveva le mani e il naso gelati. Adesso aveva fame. Nella credenza c’era un bel pezzo di pane avanzato, l’avrebbe spalmato di burro, c’avrebbe messo un po’ di zucchero e se lo sarebbe mangiato insieme a una gran tazza di latte bollito.” (pag. 18).

Ecco, nuvole basse e partenze.

E' proprio da questo mare bianco che cela tutto un mondo che salperà idealmente “Paesi alti” per gli incontri del 2016. La cortesia e l’attenzione di molte persone, associazioni, librerie e amici mi hanno portato a incontrare lettori e luoghi e storie nei 40 incontri del 2015. Ma c'è ancora qualcosa che farò con molto piacere insieme a Tonìn, sua madre e la gente delle Rive. Per chi lo vorrà, ci vedremo qui:

VENERDI' 25 MARZO, libreria Lovat, Trieste

VENERDI 22 APRILE incontro con le scuole medie di Meduno, Pordenone.

DOMENICA 24 APRILE a Tramonti di Sopra, Pordenone.

SABATO 21 MAGGIO a Farra d’Alpago (BL) con il gruppo teatrale SeQueris in occasione della tappa del Giro d'Italia.